Dio esiste? il dilemma del barbiere

Se è la tua prima volta su questo sito, prendi prima la tua Realizzazione del Sè
14 marzo 2011 In Racconti

Sicuramente molti di noi, almeno una volta nella vita, si saranno chiesti come è possibile che Dio possa permettere che tanta sofferenza e ingiustizia esista al mondo; e magari questo può averci indotto a “dubitare” dell’esistenza di Dio; alcuni, anzi, sono arrivati al punto da ritenere questo mondo in cui viviamo come un inferno e che il paradiso si possa  raggiungere solo dopo la morte. Questo è il dilemma che si pose Siddharta Gautama e che lo stimolò a cominciare la sua ricerca della verità, per poi raggiungere l’illuminazione, lo stato di Buddha (il risvegliato).
Come molti lettori avranno ormai compreso seguendo il corso di Sahaja Yoga, è possibile trovare il Paradiso dentro di noi: basta cercarlo!
La seguente storiella si basa proprio su questa osservazione.

Il Barbiere di Siviglia (Rossini)

Un uomo andò dal barbiere per tagliarsi barba e capelli.
Mentre tagliava i capelli, il barbiere cominciò con lui una piacevole conversazione. Parlavano di varie cose, quando ad un certo punto toccarono  l’argomento su Dio. Il barbiere allora disse: “ Io non credo che questo Dio esiste”. “Perché dici questo?” disse il cliente. “ Bene … Allora tu devi andare fuori in strada per realizzare che Dio non esiste. Dimmi, se Dio esistesse, ci sarebbe così tanta gente malata? Ci sarebbero bambini abbandonati? Se Dio esistesse non ci sarebbe né sofferenza né dolore. Io non posso immaginare un Dio amorevole  che possa permettere tutte queste cose!”
Il cliente pensò per un momento, ma decise di non rispondere perché non voleva iniziare a discutere.

Il barbiere finì il suo lavoro e il cliente lasciò il negozio.  Appena dopo essere uscito,  vide un uomo per strada tutto sporco e arruffato, con  barba e capelli lunghi e incolti.  Allora tornò indietro, entrò  di nuovo dal barbiere e disse: “Sai  una cosa? I barbieri non esistono!”
“Come fai a dire una cosa simile”, Disse il barbiere. “ Ho appena lavorato su di te!”- “ No!”, esclamò il cliente.  “Se i barbieri esistessero, non ci sarebbero uomini con barba e capelli lunghi e sporchi! Proprio come quell’uomo là fuori!”  “Ah … Ma i barbieri però esistono. Quello che succede è che la gente non viene da me.”

“Esattamente!” Affermò il cliente. “Questo è il punto!  Dio, anche, esiste! Quello che accade, è, che la gente non va da Lui né  Lo cerca.  Ecco perché c’è così tanto dolore e sofferenza al mondo!”



di Felicia Micolucci

Ci sono 4 commenti

  1. Angela Spissu ha detto:

    Semplicemente chiara…

  2. namifaro ha detto:

    wow e’un semplice racconto ma ricco di profondo significato…mi ha fatto comprendere qnd ho cercato DIO si e’manifestato a me senza negarsi…sento l’energia primordiale, lo spirito santo, ogni volta che medito…grazie JSM

  3. Franco ha detto:

    Penso proprio che la credenza in DIO si un fatto ontogenetico,connesso strettamente alla storia dell’Uomo,al di la’ della esistenzao meno di DIO. L’uomo non può vivere nel NULLA, pena la sua sopravvivenza psichica!!!!

  4. Franco ha detto:

    E poi la VITA comunque e’ più dolore che piacere. Allora? L’istinto di sopravvivenza ci spinge a continuare a “lottare” !!!

go to the top
go to the top

Caro Utente, in nome del nuovo GDPR, ti informiamo che questo sito NON tratta o vende i tuoi dati personali.
Sappi che alcuni blocchi funzionali del sito salvano delle informazioni sul tuo browser, utili per il loro funzionamento.
Noto tutto ciò, se sei d’accordo, ti invitiamo a proseguire su questo sito.