Prima meditazione: il risveglio della Kundalini

7 giugno 2010 In Meditazioni guidate

La prima meditazione che vi presentiamo consiste nel “risveglio della Kundalini” ed è chiamata anche “realizzazione del Sé”. È la prima meditazione che di solito facciamo per permettere alla Kundalini di risvegliarsi e per prendere confidenza con il nostro sistema sottile. È una meditazione breve e non vi prenderà più di 10 minuti, ma al tempo stesso vi darà già un’idea della semplicità del metodo e della sua capacità di farvi stare bene.
Una volta che la vostra Kundalini è risvegliata, essa rimane sempre attiva, perché quando essa sale la prima volta, crea il suo cammino, ovvero il canale centrale attraverso il quale si può muovere. Naturalmente stiamo sempre considerando dei fenomeni energetici che non sono visibili ad occhio nudo. Se siete persone particolarmente sensibili, magari sarete in grado di percepire la sua ascesa come una sensazione piacevole di fresco che si diffonde dalla parte bassa della vostra colonna vertebrale verso l’alto e fuori esce dalla cima della testa (Sahasrara chakra).
Anche se questa è la prima meditazione, potete ripetere questa meditazione quante volte volete e potrete verificare cosa provate nelle volte successive.

Shri Maraji e uno yogi

Gli albori di Sahaja Yoga: Shri Mataji sente la Kundalini sulla testa di uno yogi

Procedimento

Sedete a terra con le gambe incrociate oppure su una sedia, con la schiena dritta ma non rigida. È importante stare comodi altrimenti l’attenzione sarà richiamata dal disagio e alla fine invece di sentirvi più rilassati, vi sentirete più stressati di prima.
L’esercizio si svolge mantenendo la mano sinistra posata sul grembo con il palmo verso l’alto e portando la mano destra su alcune parti del corpo lungo il nostro lato sinistro, ripetendo alcune semplici affermazioni dentro di noi. Il lato destro è il canale dell’azione, mentre il lato sinistro è il canale del desiderio (canali energetici solare e lunare).
Vi invitiamo a visualizzare tutto il procedimento e a ripeterlo successivamente passo dopo passo, magari tenendo gli occhi chiusi per interiorizzare l’attenzione.
Per facilitarvi il compito, senza dover imparare tutte le affermazioni a memoria, potete seguire la registrazione che è riportata qua di seguito, oppure le video dove la realizzazione è data direttamente da Shri Mataji.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.


Clicca qui per scaricare l’esercizio

1 Portare la mano destra sul cuore. Chiedere per 3 volte:

Sono io lo Spirito?

2 Portare la mano destra sulla parte alta dell’addome. Chiedere per 3 volte:

Sono io il maestro di me stesso?

3 Portare la mano destra sulla parte bassa dell’addome. A questo livello risiede dentro di noi la pura conoscenza e allora esprimeremo il desiderio di risvegliare la pura conoscenza in noi. Molto semplicemente affermiamo per 6 volte:

Madre, per favore risveglia in me la pura conoscenza.

4 Riportare la mano destra sulla parte alta dell’addome. A questo livello risiede dentro di noi il principio del maestro e allora esprimeremo il desiderio di risvegliare questo principio in noi. Molto semplicemente affermiamo per 10 volte:

Io sono il maestro di me stesso.

5 Riportare la mano destra sul cuore. A questo livello risiede dentro di noi il nostro vero Sé, che è lo Spirito (detto Atma in sanscrito) e allora esprimeremo il desiderio di risvegliare il nostro Sé. Molto semplicemente affermiamo per 12 volte:

Io sono lo Spirito.

6 Portare la mano destra sulla spalla sinistra fino a toccare la prima vertebra con la punta delle dita. Possiamo ruotare la testa leggermente verso destra se è più comodo. A questo livello risiede dentro di noi il principio della dignità e del rispetto e il centro energetico corrispondente è danneggiato dai sensi di colpa.
Molto semplicemente affermiamo per 16 volte:

Io non sono colpevole di nulla.

7 Portare la mano destra di traverso sulla fronte. A questo livello risiede dentro di noi il principio della compassione e allora esprimeremo il desiderio di risvegliare questo principio in noi. Molto semplicemente affermiamo per tante volte quante vogliamo:

Io perdono tutto e tutti, anche me stesso.

8 Portare la mano destra sulla nuca, ruotando leggermente il mento verso l’alto. A questo livello risiede dentro di noi la connessione con il passato e con i nostri condizionamenti: esprimeremo il desiderio di non essere più gravati dal peso di essi, in quanto il nostro obiettivo è di gioire del presente.
Molto semplicemente affermiamo per alcune volte:

Madre, perdona tutti i miei errori del passato.

9 Stendiamo bene la mano destra e poggiamo il centro del palmo sulla cima della testa, andando a coprire quell’area che era morbida alla nostra nascita. Premiamo bene.
A questo livello risiede dentro di noi il principio dello yoga, dell’unione con il tutto e allora esprimeremo il desiderio di essere nello yoga. Ruotando lentamente la mano destra in senso orario (muovendo il cuoio capelluto) per 7 volte, affermiamo:

Madre, io desidero lo yoga.

oppure

Madre, io desidero la realizzazione del sé.

10 Possiamo riportare la mano destra sul grembo e restare qualche minuto in silenzio.
Poi riapriamo i nostri occhi lentamente e percepiamo come ci sentiamo ora.
Solleviamo la mano destra fino a portarla a circa 3-4 centimetri dalla cima della testa. Vediamo se riusciamo a percepire una brezza fresca o calda fuoriuscire dalla testa.
Portiamo giù la mano e proviamo con la mano sinistra.

Riportiamo giù entrambe le mani sul grembo, palmi in alto; poi solleviamole leggermente e vediamo se percepiamo una leggera brezza fresca o calda sui palmi delle mani. Potremmo anche sentire del prurito sulle dita o dei pizzicori  va benissimo: quelli sono i primi segnali che ci vengono dal nostro sistema sottile energetico tramite il nostro sistema nervoso autonomo. Dipendentemente dallo stato dei nostri chakra, avremo percezioni diverse.
A mano a mano, impareremo ad identificare tutti questi segnali. In generale possiamo dire che, se percepiamo la brezza fresca, significa che la Kundalini è riuscita a passare attraverso i chakra indisturbata.
Chiameremo “vibrazioni”, l’insieme di tutti questi segnali (brezza fresca, brezza calda, etc).

Esperienza della Realizzazione del Sé con Shri Mataji



di Silvana Donato

Ci sono 208 commenti

  1. Barbara ha detto:

    Ciao Silvana,
    complimenti per il sito!
    Ieri sera ho provato da sola la prima meditazione per il risveglio ma non ho avvertito nulla, nessuna brezza fresca alla fine… Allora dopo un’oretta ci ho riprovato con il video… Ancora nulla… Stasera ritento… Forse sbaglio qualcosa? Forse sono troppo bloccata?
    Grazie

    • Silvana Donato ha detto:

      Ciao Barbara, grazie per i complimenti, sono sempre benvenuti.
      Non ti preoccupare se non senti subito la brezza fresca, neanche io l’ho sentita ed ero ad una conferenza pubblica con tanti sahaja yogi. Bisogna avere un po’ di pazienza: la percezione della Kundalini dipende dal quinto chakra, magari ha bisogno di un po’ di cure.

  2. lollo ha detto:

    ciao posso farlo con mia figlia? ha 7 anni… ci rilassiamo insieme…

    • Silvana Donato ha detto:

      Ciao Lollo, assolutamente sì, anzi meditare con altre persone, specie i bambini, è meglio.

      • lollo ha detto:

        ho provato la prima meditazione… a parte il fatto che anche io ho iniziato da poco… ma non arriviamo mai a meta’… forse dovrei fare la mia da sola e con lei la breve?
        mi interrompe spesso… ma mi devo nascondere … appena mi vede viene è attratta in una maniera assurda… specialmente con il pediluvio… 😀

    • lollo ha detto:

      anche se mi interrompe spesso 🙂

      • lollo ha detto:

        ho provato la prima meditazione… a parte il fatto che anche io ho iniziato da poco… ma non arriviamo mai a meta’… forse dovrei fare la mia da sola e con lei la breve?

        • Silvana Donato ha detto:

          Sì, buona idea. A volte la meditazione con la musica aiuta. Nel sito c’è anche una sezione dedicata ai bambini. In ogni caso, è solo una questione di abitudine, abituarsi al silenzio e alla interiorizzazione dell’attenzione. Ci vuole tempo per tutti.

          • lollo ha detto:

            scusa le multi risposte ma mi sono un po incartata 😉 dicevo che è attratta in un modo che non avrei immaginato e mi tocca nascondermi, specialmente se mi vede che mi preparo con il pediluvio… io sono ancora nella seconda classe del corso on line non so se sono in grado di farglielo fare… spasesa ho dovuto interrompere la prova con la prima meditazione perchè mi riempiva di domande siamo arrivate alla seconda volta della mano sul cuore… poi ho optato per qualche minuto di silenzio… con una candelina e incenso acceso… come posso provcedere?

          • lollo ha detto:

            ho trovato la sezione per i bambini…. molto più semplice… mi dispiace interrompere a meta’ la meditazione ma non so dirgli di no… provero’ a dividere le due cose… anchè per me è una novita’, ma sento gia’ dei cambiamenti, specialmente nell’umore e nel affrontare le situazioni che prima mi stressavano, spero di riuscire a migliorare, provero anche con i corsi che fate nel mio paese, grazie siete preziosi 😀

  3. Silvana Donato ha detto:

    Sicuramente riuscirai a migliorare, è solo una questione di tempo.
    Nel frattempo, goditi questi momenti in cui tua figlia di impiccia di quello che fai e cerca di imitarti, perché fra qualche anno probabilmente starà più per conto suo.

  4. Aurora ha detto:

    Cosa significa se sento aria calda?

  5. AlessandraS ha detto:

    buonasera, avrei una domanda da fare: premetto che non ho mai fatto nessun tipo di meditazione e yoga e non sono per nulla informata al riguardo, ma ho sempre desiderato frequentare un corso..e così eccomi qui! oggi ho provato la prima meditazione, seguendo l’audio, e ho sentito solo dei formicolii alla mano sinistra, mentre la posizionavo sopra la testa… questo ha un significato o non ha nulla a che vedere con la meditazione? devo provarci ancora? grazie 🙂

    • Silvana Donato ha detto:

      Ciao Alessandra, come si suol dire: c’è sempre una prima volta!
      I formicolii sulla mano sinistra hanno un significato: sono i primi segnali del passaggio della tua energia attraverso i tuoi centri sottili. A mano a mano che proseguirai con il corso, imparerai ad identificarli. Puoi provare la prima meditazione tutte le volte che vuoi, ma anche già proseguire.

  6. Cristina ha detto:

    Ciao ! Ho seguito questo video .al suo termine mi son sentita molto serena e rilassata.ho sentito dei brividi intensi mentre facevo e dicevo cioè che indicava mataji .ho percepito caldo sul capo .avevo provato altri video come questo,ma i brividi non erano capitati .

  7. carlo ha detto:

    salve..e’ la prima volta che eseguo esercizi yoga…e anch’io non ho avvertito nulla…questione di esecuzione sbagliata ? con questi esercizi riusciro’ a placare l’ansia?

    • Silvana Donato ha detto:

      No, non ti preoccupare, può capitare di non sentire nulla. Con questa meditazione, calmare l’ansia è una delle prime cose che possono accadere.

  8. Francesco ha detto:

    Grazie, molto interessante. Sicuramente lo sperimenterò. Volevo sapere: ma le affermazioni vanno scandite ad alta voce o dette interiormente?

  9. luna ha detto:

    Salve, ho provato per la prima volta questa meditazione, ad un certo punto, quando avevo la mano dietro il capo, mi sono sentita quasi svenire, poi ho avuto un senso di nausea, magari non c’entra nulla però sa com’è, appena ho finito è scomparso tutto!con la mano sinistra ho sentito calore sul capo, con la destra invece tenendola molto in alto ho sentito una brezza fresca… la ringrazio in anticipo per la spiegazione!! Buonagiornata!

    • Silvana Donato ha detto:

      Cara Luna, non ti preoccupare. Ognuno di noi può presentare qualche blocco nei chakra più o meno forte e quindi avere reazioni diverse. La Kundalini, salendo, pulisce i chakra, ma se l’ostacolo è consistente uno potrebbe sentire un impatto più forte in un chakra. Vedrai che ripetendo la meditazione e utilizzando le tecniche per lavorare sui chakra, poi sentirai il chakra della testa alleggerirsi.

  10. Simone B. ha detto:

    Ho avvertito la brezza fredda con la mano destra e calda con la sinistra è possibile?

    • Silvana Donato ha detto:

      Certo che è possibile, il tuo stato interiore può essere variabile. Ora senti così, magari domani sentirai una cosa diversa. Nel caso specifico significa che il tuo lato destro in questo momento sta bene, mentre il sinistro è bloccato. La meditazione e i trattamenti ti aiuteranno a ristabilire l’equilibrio 🙂

  11. Ernesto ha detto:

    Ciao, sono Ernesto. Cuesto sito e veramente bello, cercavo da tanto e alla fine inizio ancora.

  12. Nicole ha detto:

    Ciao, sto seguendo un corso di Sahaja Yoga e la seconda volta durante una meditazione più lunga ho avvertito un forte senso di nausea e giramenti di testa, come se girassi su me stessa, poi aprendo gli occhi è sparito. C’è una spiegazione legata a questa cosa? Grazie in anticipo per il chiarimento! 🙂

    • Silvana Donato ha detto:

      Ciao Nicole, sì c’è un motivo. Sento il secondo e terzo chakra a sinistra bloccati. All’inizio, cerca di meditare con gli occhi aperti e pediluvi acqua tiepida ogni sera. In seguito conoscerai altre tecniche che ti potranno aiutare a migliorare questi chakra. Però, puoi già chiedere agli insegnanti del corso la tecnica con la candela.

  13. Ernesto ha detto:

    Ciao Silvana, io desidero sapere si tu hai inviato su la energia kundalini, grazie

  14. Carla ha detto:

    Salve,gentilmente può indicarmi come iniziare la meditazione ,bisogna alzare prima la kundalini .mi mandi il link perfavore, per vedere come si fà, è poi bisogna fare la realizzazione del se.grazie Carla.

  15. Johnny ha detto:

    Ciao, sono molto felice di essermi imbattuto su questo stupendo sito. Fin da piccolino sono sempre rimasto affascinato dal mondo dello Yoga. Dunque volevo chiedere gentilmente un informazione. Seguo con molta perizia e attenzione ogni lezione e terminologia cecando di essere anche un po’ lento per comprendere maggiormente il tutto per addentrarmi gradualmente a tutto questo sistema. Ho fatto la prima meditazione del Se seguendo il file mp3. A fine meditazione ho notato subito con la mano destra in cima alla testa a uscire dell aria fresca e devo dire che ho la mente molto piu libera e mo sento mentalmente meglio sin da quando leggo anche questo sito . Con oggi sono circa sette giorni cue eseguo pediluvi e piccole meditazioni brevi. Sulle mani sento aria calda e aria fresca, a volte quella fresca la sento proprio come se il vento soffiasse piu che come una brezza. E sulla testa a volte sento caldo, fresco e a volte nulla cosi pure come le mani. Una cosa che h notato se non sto dicendo stupidaggini e che sento a correre in varie fasi della giornata dei brividi forti ma piacevoli che mi percorrono gran parte sulla schiena proprio da una parte all altra come se qualcosa m uscisse dal corpo, cosa che prima non mi era mai successo cosi intensamente. Centra qualcosa? e poi, io sento questa brezza sulle mani fresca o calda ma a volte ho paura che magari si tratti di qualche spiffero d aria che abbinato al pensiero della ma mente mi faccia percepire magari cio che non e… non so se mi spiego, ho diciamo come paura che magari la Kundalini non sia riuscito a risvegliarla e magari sento brezze che magari non c entrano nulla. Grazie mille.

    • Silvana Donato ha detto:

      Ciao Johnny, ti sorprenderà saperlo, ma in genere le persone non hanno percezioni così chiare come le hai tu. Io io posso dire che la brezza fresca che senti è la tua Kundalini, ma poi questa consapevolezza, diciamo, che è un po’ una tua conquista. Sappi che la maggior parte di noi, ha fatto il test “finestra e spifferi”, ovvero una prova se chiudendosi nella camera ermeticamente si ripresentasse lo stesso fenomeno della brezza fresca.
      Analogamente i brividi lungo la schiena non solo alto che la Kundalini che sale, ma di nuovo quello che conta è la tua esperienza, più che le mie parole.
      Buona Meditazione 🙂

      • Johnny ha detto:

        Grazie Silvana. In effetti altre persone mi hanno detto che ho un ascolto molto particolare nel percepire altre persone anche se io non me ne sono mai reso conto. Devo ammettere che amo la Kundalini mentre mi attraversa con i brividi. Per la brezza fresca forte si, la sento ovunque sopratutto quando rivolgo il palmo della mano verso qualcosa… mi succede ad esempio prima di prendere in mano la chitarra… sento avvolgermi d aria fra le dita che seguono il polso e il palmo… quanta bellezza credimi… sono grato ad ogni attimo e respiro … Grazie mille per la tua risposta:)

go to the top
go to the top