La meditazione migliora il cervello, studi ad Harvard mostrano evidenze

Se è la tua prima volta su questo sito, prendi prima la tua Realizzazione del Sè
9 febbraio 2015 In Scienza

Partecipare a un programma di meditazione di 8 settimane sembra apportare misurabili cambiamenti nelle regioni del cervello associate con la memoria, il senso di sé, l’empatia e lo stress. In uno studio che apparirà nel numero del 30 gennaio 2011 del Psychiatry Research: Neuroimaging, un team guidato da ricercatori affiliati ad Harvard presso il Massachusetts General Hospital (GH) ha riportato i risultati del loro studio, il primo a documentare i cambiamenti prodotti nel tempo dalla meditazione sulla materia grigia del cervello.

“Sebbene la pratica della meditazione sia associata con un senso di serenità e di rilassamento fisico, i praticanti hanno a lungo dichiarato che la meditazione procura benefici cognitivi e psicologici che persistono per tutto il giorno,” dice l’autore seniore dello studio Sara Lazar dello MGH Programma di Ricerca di  Neuroimaging Psichiatrica e insegnate di psicologia presso la Scuola Medica di Harvard. “Questo studio dimostra che i cambiamenti nella struttura del cervello possono essere alla base di questi riscontrati miglioramenti e che le persone non si sentono meglio solo perché stanno dedicando tempo al rilassamento.”

Studi precedenti dal gruppo di Lazar e altri, hanno riscontrato differenze strutturali tra i cervelli di coloro che praticano meditazione e individui che non hanno mai praticato meditazione, osservando un ispessimento della corteccia cerebrale in aree associate con l’attenzione e l’integrazione emozionale. Ma quelle ricerche non poterono attestare che quelle differenze venivano in effetti prodotte dalla meditazione.

Per lo studio corrente, sono state fatte immagini a risonanza magnetica (MR) della struttura del cervello di 16 partecipanti allo studio, 2 settimane prima e dopo aver preso parte al  Programma di Riduzione dello Stress basato Meditazione Consapevole  (MBSR)  di 8 settimane presso il Centro di Consapevolezza dell’Università del Massachusetts. Oltre a incontri settimanali, che includevano pratica di meditazione consapevole — che si concentra su consapevolezza obiettiva di sensazioni, sentimenti e stato della mente — i partecipanti ricevevano registrazioni audio per una pratica di meditazione guidata e gli è stato chiesto di tenere traccia del tempo impiegato nella pratica ogni giorno. Una serie di immagini MR del cervello è stata presa anche a un gruppo di controllo di non-meditanti nello stesso intervallo di tempo.

L'ippocampo (sinistra) e amigdala (destra) sembrano essere coinvolti nella gestione dell'ansia e di alcune facoltà come la memoria e l'apprendimento

L’ippocampo (sinistra) e amigdala (destra) sembrano essere coinvolti nella gestione dell’ansia e di alcune facoltà come la memoria e l’apprendimento

I partecipanti al gruppo di meditazione hanno riportato di aver speso una media di 27 minuti al giorno per praticare gli esercizi di consapevolezza, e le loro risposte ai questionari di consapevolezza indicano significativi miglioramenti rispetto alle risposte date prima dell’esperimento. Le analisi delle immagini MR, che si focalizzavano su aree dove le differenze associate alla meditazione erano state viste in studi precedenti, hanno mostrato un incremento della densità di materia grigia nell’ippocampo, noto per la sua importanza nell’apprendimento e nella memoria, e in strutture associate alla consapevolezza di sé, la  compassione e l’introspezione.

Le riduzioni di stress riscontrate nei partecipanti sono state anche correlate al decremento della materia grigia nel amigdala, che è noto svolgere un ruolo important nell’ansia  nello stress. Sebbene nessun cambiamento sia stato visto nella struttura associata alla Consapevolezza di Sé chiamata insula, che era stata identificata in studi precedenti; gli autori suggeriscono che una pratica di meditazione su un termine più lungo sarebbe necessaria per produrre cambiamenti in quell’area.
Nessuno di questi cambiamenti è stato notato nel gruppo di controllo, indicando che essi non sono risultati meramente dal passaggio del tempo.

“È affascinante vedere la plasticità del cervello e che, praticando la meditazione, possiamo avere un ruolo attivo nel cambiare il cervello e possiamo aumentare il nostro benessere e la qualità della vita,” dice Britta Hölzel, il primo autore del documento e ricercatrice all’MGH e alla Giessen University in Germania. “Altri studi su popolazioni diverse hanno mostrato che la meditazione può apportare significativi miglioramenti in una varietà di sintomi, e ora stiamo ricercando il meccanismo di fondo nel cervello che facilita questo cambiamento.”

Amishi Jha, un neuroscienziato dell’Università di Miami che studia gli effetti della pratica di meditazione consapevole su individui con alti livelli di stress, dice, “Questi risultati fanno luce sui meccanismi di azione di queste pratiche di consapevolezza. Essi dimostrano che l’esperienza in prima persona di stress può essere non solo ridotta con un programma di meditazione di 8 settimane, ma che questa pratica permette di apportare dei cambiamenti strutturali nel amigdala, una scoperta che apre le porte a molte possibilità per ulteriori ricerche sul potenziale dell’MBSR di proteggere contro i disagi da stress, come quelli post-traumatici.” Jha non è stato uno dei ricercatori dello studio.

James Carmody del Centro di Consapevolezza presso l’Università del Massachusetts Medical School è uno dei co-autori dello studio, che è stato sostenuto dal  National Institutes of Health, dal British Broadcasting Company, e dal Mind and Life Institute. Per ulteriori indormazioni sul lavoro del team di Lazar.

Riferimenti:
Eight weeks to a better brain
Meditation builds brain cells, Harvard study shows proof



di Silvana Donato

go to the top
go to the top