Bhagavad Gita – Capitolo 10

Se è la tua prima volta su questo sito, prendi prima la tua Realizzazione del Sè
1 luglio 2011 In Bhagavad Gita, Testi antichi
  1. Shri Krishna disse: Ascolta ancora, potente Arjuna, ascolta la Gloria del Mio Verbo. Io parlo per il tuo vero bene, affinché il tuo cuore trovi gioia in Me.
  2. La moltitudine degli dei non conosce la Mia nascita, e neanche i grandi profeti sulla terra, poiché tutti gli dei vengono da Me, e così tutti i grandi profeti.
  3. Colui che sa che Io sono senza inizio, senza nascita, il Signore di tutti i mondi, questo mortale è libero dall’illusione e da tutti i mali.
  4. Intelligenza spirituale, conoscenza spirituale, comprensione non velata dall’illusione, perdono, verità, controllo dei sensi, controllo della mente, felicità, infelicità, nascita, morte, paura e assenza di paura;
  5. non-violenza, equanimità, contenimento, austerità, carità, onore e disonore: tutte queste qualità di tutti gli esseri viventi originano da Me solo.
  6. I sette profeti dei tempi immemorabili [1], ed anche i quattro Manu fondatori della razza umana [2], generati dalla Mia mente, hanno popolato questo mondo degli uomini.
  7. Colui che conosce la mia gloria e il potere dello yoga (l’unione con Me), è stabilizzato completamente nell’unione e nell’armonia; nessun dubbio al riguardo.
  8. Io sono l’Uno fonte di tutto: l’evoluzione di tutto viene da Me. Sapendo questo i saggi, pieni di devozione, Mi adorano costantemente.
  9. La loro attenzione è su di Me, la loro vita arresa a Me; essi si danno luce l’uno con l’altro e sempre parlano della Mia gloria; sono sempre soddisfatti e godono del loro stato di beatitudine.
  10. A coloro che sono sempre dedicati a Me e che costantemente aspirano all’unione con Me, Io concedo la capacità di capire come ottenere lo yoga [3] tramite la quale possono giungere a Me.
  11. Grazie alla Mia compassione, Io dimoro nei loro cuori e scaccio l’oscurità dell’ignoranza con la luce radiante della saggezza.
  12. Arjuna disse: Tu sei l’Essere Supremo, la Suprema Verità Ultima, il Supremo Rifugio e la Suprema Purificazione; Spirito Divino Eterno, Dio mai nato sin dall’inizio, Onnipresente Signore di tutto.
  13. Tutti i profeti ti adorano: il divino profeta Narada, Asita, Devala e Vyasa. E ora Tu in persona Ti stai rivelando proprio a me!
  14. Ho fede in tutte le Tue parole, perché queste parole sono parole di Verità, e invero né gli dei in paradiso né i demoni all’inferno conoscono la Tua (Divina) Manifestazione.
  15. Solo il Tuo Spirito conosce il Tuo Spirito: solo Tu conosci Te stesso, Tu fonte dell’essere in tutti gli esseri, Dio degli dei, Sovrano di tutto.
  16. Invero solo Tu puoi descrivere la Divina Gloria del Tuo Stesso Essere, tramite la quale ti trovi a pervadere questi mondi.
  17. Meditando continuamente su di te, come potrò mai riconoscerti? Ed in quali particolari Tuoi aspetti dovrai essere considerato da me, mio Signore?
  18. Parlami ancora, in tutti i particolari, del Tuo Potere e della Tua Gloria, poiché non sono mai sazio, mai, di ascoltare questo nettare divino (amruta).
  19. Shri Krishna disse: Ascolta e ti rivelerò alcune manifestazioni della Mia Gloria Divina, ma solo le più maestose, Arjuna, poiché non c’è mai fine alle Mie manifestazioni.
  20. Io sono il Sé che risiede nel cuore di tutti gli esseri. Io sono l’inizio, il mezzo e la fine di tutto ciò che vive.
  21. Tra i dodici Aditya [4] Io sono Vishnu, e tra i corpi celesti il raggiante sole. Io sono il Signore dei venti e delle burrasche, e fra le stelle Io sono la luna.
  22. Dei Veda Io sono il Sama Veda, degli dei Io sono il loro re Indra. Tra i sensi dell’uomo Io sono la mente, ed in tutti gli esseri viventi Io sono la consapevolezza.
  23. Tra gli undici Rudra [5] Io sono Shankara [Shiva]. Tra gli Yaksha e i Rakshasa (i demoni), Io sono il Signore della ricchezza (Kubera). Degli otto Vasu, Io sono il Dio del fuoco [6]. Tra le montagne, il monte Meru [7].
  24. Tra i sacerdoti, o Arjuna, Io sono il loro capo Brihaspati, e tra i condottieri sono Skanda, il generale degli dei. Tra i laghi Io sono il vasto oceano.
  25. Tra i grandi profeti Io sono Bhrigu; e tra le parole Io sono la sacra sillaba OM. Tra i sacrifici Io sono parole mormorate; e tra le cose che non si muovono io sono le Himalaya.
  26. Tra gli alberi Io sono l’albero della vita, e tra profeti celestiali Narada. Tra i celesti musicisti (Gandharva), sono Chitraratha; e tra i saggi sulla terra, sono Kapila.
  27. Tra i cavalli, Io sono il cavallo di Indra, e tra gli elefanti Io sono il suo elefante Airavata. Tra gli uomini Io sono il re degli uomini.
  28. Tra le armi Io sono il fulmine, e tra le mucche la celestiale mucca Kamadhenu [8]. Fra quelli che procreano sono il dio Kandarpa [9]; e tra i serpenti Vasuki [10].
  29. Tra i Naga [11] Io sono il divino Ananta, e tra le creature acquatiche Io sono Varuna, il loro Signore. Tra gli spiriti dei padri Io sono Aryama, e tra i sovrani Yama, il sovrano della morte.
  30. Tra i Daitya Io sono Prahlada il loro principe [12], e tra tutti i sistemi di misura Io sono il tempo. Tra le bestie Io sono il re delle bestie, e tra gli uccelli Garuda.
  31. Tra ciò che purifica Io sono il vento, e tra i portatori d’armi Io sono Shri Rama. Tra i pesci del mare Io sono lo squalo, e tra tutti i fiumi il santo Gange.
  32. O Arjuna, Io solo sono il creatore, il sostenitore e il distruttore di tutta la creazione. Di tutta la conoscenza, Io sono la conoscenza del Sé. Dei molti sentieri della ragione Io sono quello che conduce alla Verità.
  33. Tra le lettere Io sono la prima lettera, A; tra i composti grammaticali Io sono la coordinazione. Io sono il tempo infinito. Io sono il Creatore che tutto vede.
  34. Io sono la morte che porta via tutte le cose, e Io sono la fonte delle cose a venire. Tra i nomi femminili Io sono Fama e Prosperità, Parola, Memoria e Intelligenza, Pazienza e Compassione.
  35. Io sono Brihat-sama fra tutti i canti dei Veda. Io sono il Gayatri fra tutte le misure in versi. Tra i mesi Io sono quello del raccolto, e tra le stagioni la primavera.
  36. Fra i giocatori d’azzardo Io sono il gioco. Io sono la meraviglia in tutte le cose meravigliose. Io sono la vittoria e la battaglia per la vittoria. Io sono la bontà di coloro che sono buoni.
  37. Tra i figli di Vrishni Io sono Krishna; e tra i Pandava Io sono Arjuna. Tra i profeti Io sono Vyasa; e tra i poeti il poeta Usana.
  38. Io sono lo scettro dei sovrani degli uomini, ed Io sono la strategia di coloro che cercano il successo. Io sono il silenzio dei segreti, e sono la conoscenza di coloro che sanno.
  39. E sappi, Arjuna, che Io sono il seme di tutti gli esseri viventi; e che nessun essere mobile o immobile può essere mai senza di Me.
  40. Non c’è fine alla Mia Divina Grandezza, Arjuna. Ciò che ho detto qui ti mostra solo una piccola parte della Mia infinità.
  41. Sappi che qualsiasi cosa sia buona e bella, qualsiasi cosa abbia gloria e potere è solo una porzione del mio proprio splendore.
  42. Ma a cosa ti serve, Arjuna, sapere tutte queste cose in dettaglio? Sappi che in una sola frazione del Mio essere è contenuto l’intero universo.

Note

[1] Marici, Matri, Angiras, Pulastya, Pulaha, Kratu e Vasistha.
[2] Svayambuva, Svarochita, Raivata, Uttama.
[3] buddhi-yogam: buddhi è intelligenza.
[4] figli di Aditi, nei Veda Aditi è detta essere la madre degli dei.
[5] Ekadesha Rudra: sono gli undici poteri ditruttivi di Shiva.
[6] a proposito degli otto Vasu, ricordiamo la loro storia menzionata proprio all’inizio del Mahabharata
[7] centro del mondo e montagna santa per eccellenza, è situato nelle Himalaya.
[8] la mucca dell’abbondanza che esaudisce tutti i desideri.
[9] Kama, il dio dell’amore, il nostro Cupido
[10] il re dei serpenti che vive nel mondo sotterraneo.
[11] un tipo di serpenti più evoluti di quelli che vediamo oggi.
[12] Prahlada, della stirpe dei Daitya che si opponevano ai deva; egli era il figlio del re, ma nonostante la sua nascita era un grande devoto di Shri Vishnu e non voleva seguire le orme del padre; il re ha provato più volte a sbarazzarsi del figlio, ed infine Shri Vishnu si è incarnato come Narashima per proteggere il suo devoto, uccidendo il re malvagio.

Capitoli:  1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18 


di Silvana Donato

Comments are closed.

go to the top
go to the top

Caro Utente, in nome del nuovo GDPR, ti informiamo che questo sito NON tratta o vende i tuoi dati personali.
Sappi che alcuni blocchi funzionali del sito salvano delle informazioni sul tuo browser, utili per il loro funzionamento.
Noto tutto ciò, se sei d’accordo, ti invitiamo a proseguire su questo sito.