Bhagavad Gita – Capitolo 6

Se è la tua prima volta su questo sito, prendi prima la tua Realizzazione del Sè
1 luglio 2011 In Bhagavad Gita, Testi antichi
  1. Shri Krishna disse: Chi compie il suo dovere senza aspettarsi una ricompensa terrena, è sia un Sanyasi che uno Yogi; ma non chi non compie il suo dovere o che si astiene da ogni attività.
  2. O Arjuna, devi sapere che il Sanyasa della rinuncia è anche lo Yoga dell’azione santa, perché nessuno può essere uno Yogi se non rinuncia ai suoi pensieri.
  3. Quando il saggio vuol salire alle altezze dello Yoga, egli segue il sentiero dell’azione; ma quando raggiunge lo Yoga, egli segue quello della quiete (della cessazione delle attività).
  4. Egli raggiunge le altezze dello Yoga quando arrende la sua volontà terrena: quando non è legato al desiderio di gratificazione dei sensi, e non è legato dalle sue azioni terrene.
  5. Con l’aiuto del Sé l’anima deve essere elevata dalla sua natura materiale e non si deve permettere all’anima di degradarsi. Perché l’anima può essere un’amica, o può essere una nemica.
  6. L’anima dell’uomo è la sua amica quando attraverso lo Spirito egli l’ha conquistata; ma quando un uomo non è signore della sua stessa anima, allora essa diventa il suo stesso nemico.
  7. Chi ha conquistato la sua mente, trascendendo la dualità di attrazione e avversione – nel freddo o nel caldo, nel piacere o nel dolore, nella gloria o in disgrazia – è fermamente stabilizzato nel Sé Universale (paramatma).
  8. Quando, contento per la sua conoscenza acquisita e per la sua esperienza diretta di realizzazione interiore, uno è il maestro della sua vita interiore (rimane tranquillo in ogni circostanza e i suoi sensi sono sempre sotto controllo), considera allo stesso modo una pepita d’oro o una zolla di terra; allora questi è detto uno yogi realizzato.
  9. Di molto superiore è colui che si comporta allo stesso modo con parenti, con amici o nemici, con le persone imparziali, quelle indifferenti o che lo invidiano, con i santi o i peccatori.
  10. Ogni giorno, lo yogi deve meditare sul proprio Sé: stando solo in un luogo appartato, con l’attenzione ferma dentro di sé, senza sperare nulla, senza desiderare nulla. [1]
  11. Egli deve trovare un posto puro ed un sedile che sia riposante, né troppo alto né troppo basso, con erba sacra (kusha) e una pelle (di daino) e un telo sopra.
  12. Quindi sedendo fermo in quel posto, controllando la mente e i suoi sensi, cercando di mantenere l’attenzione ferma, questi dovrebbe rimanere in questo stato meditativo di yoga (di unione con il Tutto), per purificare la propria mente.
  13. Con corpo eretto, testa e collo tranquilli e senza movimenti, con lo sguardo fermo, e non guardando in ogni direzione;
  14. con l’anima in pace, e senza paura, e forte nel suo voto di castità, completamente sottomettendo la mente, che egli si riposi la sua attenzione su di Me, il Dio Supremo.
  15. Lo yogi che, signore della sua mente, si dedica costantemente alla meditazione sul Sé, attinge alla pace perpetua, che è la Suprema Beatitudine che è in Me.
  16. Yoga è armonia. Non è per colui che mangia troppo, o che mangia troppo poco, o per colui che dorme troppo o troppo poco.
  17. Armonia nel mangiare e nel riposare, nel dormire e nel tenersi svegli: una perfezione in qualsiasi cosa si faccia. Questo è lo Yoga che allevia da ogni miseria.
  18. Quando la mente dello Yogi è in armonia e trova pace nello spirito interiore, quando tutti gli affannosi desideri sono spariti, allora egli è uno Yukta, uno in Dio.
  19. Così come una fiammella non sfarfalla in un posto senza vento, tale è l’attenzione ferma dello yogi che è nello stato meditativo dello yoga.
  20. Quando la mente è contenuta nella quiete dello Yoga, ed essendo purificata riesce a percepire il Sé e in esso trova piena soddisfazione,
  21. allora il ricercatore conosce la gioia dell’Eternità: una conoscenza percepita dalla ragione molto al di là di ciò che i sensi possono percepire. Egli dimora lì e non si muove dalla Verità.
  22. Egli ha trovato la gioia e la Verità, una visione per lui suprema. Egli è stabile: il più grande dei dispiaceri non lo muove.
  23. Essendo stabilizzato in questo stato, nessuna sofferenza può sconvelgerlo, perché non appena la sofferenza giunge viene dispersa. Sappi che questo è chiamato Yoga.
  24. Quando tutti i desideri sono stati abbandonati andando oltre i pensieri [2], la mente riunisce la moltitudine dei sensi erranti nell’armonia del raccoglimento,
  25. allora, con la ragione armata di determinazione, il ricecatore conceda serenamente la mente allo Spirito e tutti i suoi pensieri diventino silenziosi.
  26. E se mai la mente instabile e irrequieta erra lontano dallo Spirito, che egli la riconduca nuovamente allo Spirito.
  27. Così la gioia suprema viene allo Yogi, il cui cuore è in silenzio, le cui passioni sono in pace, che è puro dal peccato, che è uno con Brahma, con Dio.
  28. Lo Yogi, che costantemente fa esperienza della realizzazione del Sé (meditazione), è liberato da ogni impurità, e ben presto realizzerà la gioia dell’Eternità, l’infinita gioia dell’unione con Dio.
  29. Egli vede se stesso nel Sé di tutti gli esseri e vede tutti gli esseri nel suo Sé. Questa è la visione dello Yogi in armonia, la visione dell’Unità.
  30. Mi vede ovunque e vede tutto in Me: Io non sono mai dimenticato da loro ed Io mai Mi dimentico di loro.
  31. Lo yogi che, stabilizzato nell’unione con Me, Mi adora in tutti gli esseri come loro vero Sé, in qualunque circostanza si trova risiede in Me.
  32. O Arjuna, se comparato con il Sé uno considera tutto allo stesso modo, sia nella buona che nella cattiva sorte, un tale yogi è considerato il più elevato.
  33. Arjuna disse: Tu mi hai parlato di uno Yoga di costante unità, o Krishna, di una comunione che è sempre una. Ma la mente è incostante: nella sua irrequietezza io non posso trovare pace.
  34. O Krishna, la mente è inquieta, impetuosa, ostinata, dura da educare: dominare la mente sembra essere così difficile al pari del dominare i possenti venti.
  35. Shri Krishna disse: La mente è invero agitata, o Arjuna, è davvero difficile da padroneggiare. Ma può essere controllata con una pratica costante e con il distacco dalle passioni.
  36. Lo Yoga è difficile da raggiungere da chi non ha la mente sotto controllo; ma Io credo che possa essere raggiunto da chi si sforza con pratica costante di tenere la propria mente sotto controllo.
  37. Arjuna disse: E se un uomo si sforza, fallisce e non raggiunge la perfezione dello Yoga, perché la sua mente non è ferma nello Yoga, eppure ha fede, che fine farà, o Krishna?
  38. Lontano dalla terra e lontano dal cielo, vagando con i venti senza direzione, sparisce forse come una nuvola nell’aria, non avendo trovato il sentiero di Dio?
  39. Sii una Luce nella mia oscurità, Krishna: per favore dissipa il mio dubbio. Chi può dissipare questo dubbio se non Tu?
  40. Shri Krishna disse: Nè in questo mondo, né nel mondo celeste, questo potrà mai perire; poiché chi fa del bene, mio caro amico, non percorre mai il sentiero della male.
  41. Avendo fallito nel raggiungimento della realizzazione nello Yoga, questi dimora per innumerevoli anni nei luoghi dove si trovano coloro che hanno fatto del bene, e poi rinasce in casa di persone buone e grandi.
  42. Può persino rinascere in una famiglia di yogi, dove la saggezza dello Yoga risplende; ma nascere in una tale famiglia è un evento raro in questo mondo. [3]
  43. Comincia la sua nuova vita con la saggezza della vita precedente. Comincia a sforzarsi di nuovo, sempre in avanti, verso la perfezione.
  44. Poiché il suo desiderio e i suoi sforzi precedenti irresistibilmente lo spingono a cercare lo yoga, e tende ad andare oltre le parole dei libri sacri.
  45. E così lo yogi, volutamente sforzandosi di continuo, e avendo purificata l’anima dal peccato, raggiunge la perfezione attraverso molte vite e raggiunge il Fine Supremo.
  46. Sii uno yogi, Arjuna, perché lo yogi è superiore a coloro che seguono solo il sentiero dell’ascetismo, o della conoscenza, o dell’azione.
  47. E il più grande di tutti gli Yogi è colui che ha fede assoluta in Me, che ha sempre la sua attenzione interiormente rivolta verso di Me.

Note

[1] In questo capitolo Shri Krishna descrive la procedura della meditazione e lo stato della persona in meditazione nello stato di yoga; però non dice nulla su come si possa arrrivare a questo stato, come ci si possa purificare. Molto più tardi Dnyaneshwara, commentando questo sesto capitolo, parlerà della Kundalini e della sua attività di purificazione del nostro essere; discorso che è portato avanti e approfondito in Sahaja Yoga.
[2] praticamente si è nello stato di consapevolezza senza pensieri: nirvichara samadi.
[3] a quei tempi.

Capitoli:  1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18 


di Silvana Donato

Comments are closed.

go to the top
go to the top