Il Sistema Nervoso Autonomo: il mezzo per conoscere noi stessi

Se è la tua prima volta su questo sito, prendi prima la tua Realizzazione del Sè
25 Maggio 2010 In Scienza

All’interno del nostro corpo esiste un complesso sistema di cui non siamo direttamente consapevoli. Tutte le nostre funzioni vitali sono svolte indipendentemente dal nostro controllo e possiamo intervenire in maniera indiretta solo per correggere alcune disfunzioni.
Come abbiamo visto, questo succede perché ignoriamo l’esistenza di un sistema energetico che si interfaccia fra la nostra consapevolezza e il nostro corpo (fisico ed emozionale). Una volta diventati consapevoli di questo sistema, essendo in grado di percepire lo stato del nostro essere, potremo anche migliorarlo. E tutto ciò in modo molto semplice e naturale.
Come abbiamo detto in un precedente articolo, lungo la nostra colonna vertebrale e nella nostra testa sono dislocati sette centri energetici, detti chakra. Questi centri sono collegati fra di loro attraverso tre canali energetici che partono dalla base della colonna fino a giungere nella testa.
Questi canali energetici hanno una corrispondenza fisica con il nostro sistema nervoso autonomo, mentre i chakra corrispondono a specifici plessi nervosi. In particolare i chakra sono localizzati lungo la spina dorsale, nei gangli, e poi si diffondono in tutta l’area trasversale tramite le varie connessioni nervose. Per esempio il chakra del Cuore (in sanscrito Anahat chakra) si trova nel plesso cardiaco, ma si occupa di tutta l’area del torace come il cuore e i polmoni.

Come sappiamo, il sistema nervoso autonomo agisce indipendentemente dalla nostra volontà e dalla nostra consapevolezza, mentre il sistema nervoso centrale è quello di cui siamo in genere più consapevoli, in quanto regola funzionalità periferiche tipo il tatto, nonché la nostra attività cerebrale.
Per esempio, quando noi corriamo o abbiamo paura, spontaneamente il nostro cuore comincia a battere più rapidamente  e quando ci fermiamo il battito cardiaco rallenta e il tutto avviene senza che ci sia un diretto controllo da parte nostra su questi processi vitali: è invero il sistema nervoso autonomo a realizzare il controllo su di essi.

Il sistema nervoso autonomo è suddiviso in sistema parasimpatico e sistema simpatico, i quali hanno funzioni pressoché complementari: inibitorio l’uno ed eccitante l’altro.

Qual è il ruolo del sistema nervoso autonomo nello yoga?
Ebbene, esso è il mezzo attraverso il quale è possibile percepire la nostra Kundalini e viceversa è il mezzo attraverso il quale la Kundalini può agire su di noi a livello fisico. Infatti la corrispondenza fisica dei canali energetici è proprio il sistema nervoso autonomo. In particolare, il simpatico si suddivide in simpatico di destra e sinistra e corrisponde proprio con i canali energetici di destra (Pingala Nadi) e di sinistra (Ida Nadi); mente il parasimpatico corrisponde al canale centrale (Sushumna Nadi).
Una cosa interessante da notare è che il sistema parasimpatico presenta una discontinuità a livello addominale. L’esperienza yoga ci insegna che proprio nella zona addominale è presente un’area che è detta Void (vuoto) o Bhavasagara (Oceano delle Illusioni) che corrisponde analogamente ad una discontinuità della Sushumna Nadi; è proprio la presenza di questa discontinuità ad impedire alla Kundalini a salire da sé  (senza l’interazione con un’altra persona con la Kundalini risvegliata): il punto è che dobbiamo superare le illusioni della materia per accedere ad un bene più alto.

Quindi il sistema nervoso autonomo è la chiave di lettura di una conoscenza antica di cui in realtà noi stessi siamo i depositari; per avere una conoscenza profonda e sottile di noi stessi basterà “leggere le nostre mani”!
Infatti il sistema nervoso autonomo è diffuso per tutto il corpo e raggiunge le periferie come le mani e i piedi. È già nota nella medicina alternativa la riflessologia che consiste nella stimolazione degli organi tramite massaggio di punti riflessi: essa si basa proprio su questo principio.
I nervi in corrispondenza di ogni dito o parte della mano hanno una diretta connessione con un determinato chakra, per cui ogni segnale percettibile sulla mano ci può dare indicazione di ciò che avviene dentro di noi: qualunque indicazione è sintomo di uno stato di benessere o malessere del chakra. Questo ci permette di avere una conoscenza oggettiva di noi stessi.

Detto ciò, si deduce che l’esperienza “spirituale” non è un qualcosa di trascendentale al quale dobbiamo credere senza evidenza, ma si attualizza come una naturale e percettibile espressione del nostro essere. Il nostro essere spirituale non appartiene ad una dimensione a noi sconosciuta (nell’alto dei Cieli), ma è parte integrante della nostra vita.

E questa è una grande svolta perché…

Perché voi diventate i naturali amministratori di voi stessi o per meglio dire: diventate i maestri di voi stessi!



di Silvana Donato

Ci sono 6 commenti

  1. Barbara ha detto:

    Voglio ringraziarvi per questo splendido sito, avete fato e state facendo un lavoro straordinario. Ho trovato moltissime risposte e nuovi spunti di crescita e di riflessione.
    Grazie di cuore!
    Un abbraccio
    Barbara

  2. Luca ha detto:

    Davvero interessante! Non conosco la vostra associazione…Estremamente contento di avervi trovato…

  3. Mariagrazia ha detto:

    Un sito fatto veramente molto bene, lo trovo utile e pieno di contenuti interessanti!

  4. mauro franich ha detto:

    Grandi informazioni diventare consapevoli del nostro corpo e non solo ci aiuta ad avere una marcia in più rispetto la massa che purtroppo siamo tutti confusi mi rendo conto ogni gg che passa che c’è un disegno superiore il vile potere economico se guardiamo la storia è già sucesso in America molti anni fà, Voi ci date l’opportunità di crescita interiore così ci rendiamo conto e abbiamo la possibilità di cambiare l’attimo xchè siamo consapevoli di noi stessi e possiamo vedere e toccare con mano le molteplici illusioni e manipolazioni che cercano di ingannarci.Vi ringrazio di questo “SVEGLIAMOCI”

  5. […] canale sinistro corrisponde a livello fisico con il sistema nervoso simpatico di sinistra. In sanscrito prende il nome di Ida Nadi o Tamo Guna, e corrisponde anche alla […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

go to the top
go to the top

Caro Utente, in nome del nuovo GDPR, ti informiamo che questo sito NON tratta o vende i tuoi dati personali.
Sappi che alcuni blocchi funzionali del sito salvano delle informazioni sul tuo browser, utili per il loro funzionamento.
Noto tutto ciò, se sei d’accordo, ti invitiamo a proseguire su questo sito.