Un po’ di terminologia Yoga

Se è la tua prima volta su questo sito, prendi prima la tua Realizzazione del Sè
21 Maggio 2010 In Chakra

Abbiamo visto che il benessere del nostro biosistema dipende dal corretto funzionamento dei micro-sistemi di cui esso è composto.
Un micro-sistema è dato non solo da elementi fisici funzionali (quali organi, plessi nervosi, sistemi linfatici, etc.), ma anche dal suo aspetto emozionale e spirituale: tutti questi aspetti collaborano per il corretto funzionamento dei micro-sistemi. Dall’esperienza possiamo verificare questa interazione: se abbiamo qualche problema fisico molto probabilmente anche il nostro stato emotivo ne sarà influenzato e viceversa se siamo emotivamente indisposti è molto probabile che fisicamente accuseremo un disagio.
Una cosa importante da notare è che la conoscenza interiore di noi stessi era stata investigata dagli yogi prima ancora che esistesse la medicina moderna e la psicologia ed aveva portato alla individuazione di tali micro-sistemi tramite profonda introspezione. In lingua sanscrita, questi “micro-sistemi” sono stati chiamati chakra. La traduzione corretta del termine chakra è ruota, perché si manifestano come ruote di energia.
I chakra principali si trovano allineati lungo la colonna vertebrale e nella testa e in tutto sono sette. Ognuno di questi chakra è quindi preposto a regolare il funzionamento fisico, emozionale, mentale e spirituale del nostro essere, aspetti che risultano quindi essere strettamente correlati l’uno con l’altro.
Come abbiamo detto in un precedente articolo, se uno o più di questi chakra non funziona correttamente è possibile aiutarlo grazie all’intervento di una energia localizzata nel nostro osso sacro e chiamata in sanscrito Kundalini. Kundal significa spirale, perché la Kundalini si trova avvolta in 3 spire e mezzo nella sua sede naturale, ma una volta attivata si sviluppa lungo la nostra colonna vertebrale fino a raggiungere l’ultimo chakra in cima alla testa, in corrispondenza dell’osso chiamato “fontanella” (in sanscrito Sahasrara Chakra).
Una cosa interessante da notare è l’attribuzione di nomi significativi a certe parti del nostro corpo, come “osso sacro” e “osso della fontanella“: questo ci fa capire come la conoscenza sottile del nostro essere sia stata intuita non solo in India, ma anche nel mondo occidentale. Esistono infatti molteplici iconografie e simbolismi raffiguranti la Kundalini che sale e che fuoriesce dal Sahasrara. Alcuni simboli della Kundalini sono la colomba, il serpente (che vediamo simboleggiare la conoscenza nel caduceo, icona usata tipicamente nella medicina) oppure la fiammella dipinta sulle teste dei santi.

Pentecoste El GrecoGeneralmente l’attivazione della Kundalini viene più poeticamente chiamata risveglio della Kundalini, perché si immagina che essa sia in uno stato dormiente fino a che non viene risvegliata. Una volta risvegliata, la Kundalini sale lungo la nostra colonna vertebrale e crea il canale (centrale) attraverso il quale essa si muove fino al raggiungimento del Sahasrara chakra. Questo canale viene chiamato Sushumna Nadi e viene giustamente indicato come il canale della nostra evoluzione spirituale. Lungo il suo tragitto, la Kundalini incontra sei dei chakra (i chakra sono sette ma il primo si trova sotto l’osso sacro e non viene attraversato da essa) e passando attraverso di essi se ne prende cura, proprio come una madre, e permette loro di rigenerarsi e migliorare.
Il risveglio della Kundalini non può essere forzato, ma può avvenire solo in modo spontaneo. Infatti una caratteristica molto importante della Kundalini è che la Kundalini risvegliata di una persona può stimolare la Kundalini di un’altra persona a salire in modo spontaneo.  Possiamo comparare questo fenomeno con la risonanza “per simpatia” (risonanza acustica), che avviene quando le corde di un particolare strumento entrano in risonanza (oscillazione) quando altre corde oscillano.  È questo il segreto di Sahaja Yoga: consente a tutti di ottenere il proprio risveglio spirituale in modo così semplice e spontaneo.

Come abbiamo detto, i chakra sono in effetti delle ruote di energia, ruotanti ad una specifica frequenza. Ma più poeticamente vengono raffigurati come fiori che si chiudono e si aprono a seconda del loro stato. Se essi sono in armonia, si aprono ed emanano tutta la loro fragranza, che possiamo ammirare dall’esterno come l’espressione di tutte le qualità di cui essi sono dotati. Se invece i chakra sono appesantiti o stressati, il fiore si chiude e nessuna aroma è in grado di diffondersi. Noi accusiamo disagio e non ci sentiamo bene con noi stessi e con gli altri.  In Sahaja Yoga, ci sono tecniche molto semplici che consentono di riportare all’equilibrio i nostri chakra, donandoci così momenti di benessere crescenti fino a raggiungere uno stato di benessere costante: in questo modo diventiamo sereni e affrontiamo più facilmente le problematiche che possono presentarsi nella nostra quotidianità.

Ecco di seguito una video che visualizza l’ascesa della Kundalini nei nostri chakra.
Animazione dell’ascesa della Kundalini



di Silvana Donato

Ci sono 4 commenti

  1. Laura ha detto:

    Ciao Silviana,
    continuo a fare domande su questo sito, ma più leggo e più sono curiosa.
    Scusa la domanda un po’ stupida, ma non ho capito se la kundalini risvegliata che percorre tutto il canale centrale la prima volta rimane in questa “posizione” o se “torna indietro” e bisogna fare ogni volta lo stesso procedimento per proteggere tutti i chakra.
    Grazie comunque per la disponibilità che dimostri.

  2. […] blocco ai chakra. Quando noi adottiamo delle attitudini (e abitudini) scorrette verso noi stessi (lato sinistro) e/o verso il mondo (lato destro) allora andiamo ad influenzare negativamente il lavoro dei nostri […]

  3. mariano fantin ha detto:

    Salve a tutti e grazie per questo sito. Mi stavo interessando intensamente a questa disciplina e cercavo un po più di informazioni e ecco e arrivato il sito…. O fatto le prime meditazioni 4 per essere preciso. Le prime 3 niente ma alla 4 o sentito una brezza calda un dolore al pollice destro e un leggero formicolio alla mano sinistra. Mi potete aiutare. Grazie ancora…

    • Silvana Donato ha detto:

      Salve Mariano. A ogni meditazione si possono avere diverse percezioni. Ricordo che le prime volte difficilmente mi capitava di sentire il fresco, ma come te avevo percezioni dirette dei chakra bloccati e proprio il pollice destro. Se proseguirai con il corso, conoscerai la natura di quella percezione: è il secondo chakra che ha bisogno di aiuto. Peraltro se la Kundalini si ferma là, non riesce ad arrivare all’ultimo chakra. Prova a fare un pediluvio prima della meditazione come scritto in questo articolo Il Pediluvio; vedrai che dopo qualche sera andrà meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

go to the top
go to the top

Caro Utente, in nome del nuovo GDPR, ti informiamo che questo sito NON tratta o vende i tuoi dati personali.
Sappi che alcuni blocchi funzionali del sito salvano delle informazioni sul tuo browser, utili per il loro funzionamento.
Noto tutto ciò, se sei d’accordo, ti invitiamo a proseguire su questo sito.