Semplice tecnica per rilassare i canali energetici

Se è la tua prima volta su questo sito, prendi prima la tua Realizzazione del Sè
23 giugno 2010 In Esercizi

Una volta che abbiamo preso un po’ di confidenza con il nostro sistema energetico, risulterà davvero immediato gestire tutti i vari casi che ci possono capitare. Le tecniche usate in Sahaja Yoga sono davvero molto semplici e naturali, perché esse prevedono l’utilizzo degli elementi (acqua, terra, fuoco, aria, etere), i quali si trovano ovunque intorno a noi.
Abbiamo già visto una tecnica molto semplice ed efficace per liberarci dalle tensioni: il pediluvio. Essa fa uso di due elementi: l’acqua e la terra. Il pediluvio si fa di solito a casa in una bacinella, ma sarà sicuramente più efficace farlo in un ambiente naturale quale il mare, il fiume o il lago. Analogamente, questa tecnica farà uso degli elementi per scaricare le tensioni dei nostri canali energetici.

Prima di cominciare, trovate un angolino tranquillo nella vostra casa o in giardino, dove potete meditare senza essere disturbati. Questo è importante, perché è abbastanza difficile calmare i propri pensieri e avere altre distrazioni intorno non aiuta. Poi sedetevi a terra o su una sedia. Cercate di trovare una posizione comoda, ma mantenendo la schiena dritta: le zone di curva innaturale della schiena, possono già di per sé creare pressione sui chakra.
Detto ciò, alzate la vostra Kundalini (vedi articolo Come cominciare la meditazione) e poggiate le mani, palmi in alto, sulle ginocchia. Restate per un po’ in silenzio….. poi osservate le vostre mani, magari sollevandole leggermente dalle ginocchia. Cosa percepite?
Le sensazioni possono essere molto diverse a seconda del momento. Se sentite una brezza fresca fuoriuscire da entrambe le mani, allora significa che la Kundalini è passata indisturbata e non vi resta altro da fare che godervi questo momento di meditazione in consapevolezza senza pensieri, lasciando così che la Kundalini si prenda cura dei vostri chakra.
Se invece sentite una brezza calda fuoriuscire dalle mani, o solo da una mano o da parte di essa, allora significa che comunque la Kundalini è passata, ma che il “lavoro energetico sottile” che essa sta compiendo sui chakra ha prodotto del calore. A questo punto si può intervenire per aiutare questo processo di rilassamento tramite semplici tecniche.

Si possono distinguere tre differenti casi: sentite calore e pesantezza sulla mano destra, oppure sulla mano sinistra, oppure su tutte e due. Dato uno di questi casi, procedete come segue:

  • Calore o pesantezza sulla mano sinistra: portare la mano destra a terra, palmo sulla terra (o punta delle dita verso terra se sedete su una sedia), e lasciare la mano sinistra sul ginocchio; rimanere così per un po’. L’effetto di questa tecnica è di far sì che tramite la mano sinistra si prenda energia (vibrazioni), mentre il calore/pesantezza del canale sinistro sfoga attraverso la mano destra verso terra. Quindi l’elemento usato in questo caso è la terra.
  • Calore o pesantezza sulla mano destra: portare la mano sinistra vicino alla spalla, palmo verso la spalla e punta delle dita verso l’alto, e lasciare la mano destra sul ginocchio; rimanere così per un po’. L’effetto di questa tecnica è di far sì che tramite la mano destra si prenda energia (vibrazioni), mentre il calore/pesantezza del canale destro sfoga attraverso la mano sinistra verso il cielo. Quindi l’elemento usato in questo caso è l’aria.
  • Calore o pesantezza su entrambe le mani: portare entrambe le mani a terra, palmi sulla terra (o punta delle dita verso terra se sedete sulla sedia). Restate in questa posizione per un po’. In questo caso usiamo come elemento la terra.

Dopo alcuni minuti, riportate le mani sulle ginocchia. Rivalutate nuovamente il vostro stato interiore attraverso le vostre mani. Se necessario, ripetete l’esercizio.

Canale sinistro Entrambi i canali Canale destro
Portare la mano destra a terra, con il palmo poggiato sulla terra, e lasciare la sinistra sul ginocchio. Portare entrambe le mani sulla terra, palmi poggiati sulla terra. Portare la mano sinistra verso l’alto, palmo rivolto verso la spalla, e lasciare la mano destra sul ginocchio.


di Silvana Donato

Ci sono 5 commenti

  1. Andrea ha detto:

    immagini mancanti…

  2. Erika ha detto:

    Buongiorno, volevo fare solo una domanda è da pochi giorni che sto seguendo questo corso online ho provato a fare questo esercizio senza volerlo ho fissato un oggetto presente nella stanza e ho visto fuoriscire una luce bianca che vuol dire?

  3. Erika ha detto:

    Ciao circa un anno fa ho letto un libro ma con scarsissimi risultati, attualmente mia mamma mi ha regalato una pietra che si chiama ametrino non so se è vero mi sembra di aver capito che anche le pietre influiscono sui chakra

    • Silvana Donato ha detto:

      Sì, è possibile, ma sono sempre un approccio esteriore: non possono sostituire la meditazione e il contatto diretto che puoi avere con il tuo sé e i tuoi chakra.

go to the top
go to the top