Canti dell’Esperienza

Se è la tua prima volta su questo sito, prendi prima la tua Realizzazione del Sè
27 novembre 2011 In Testi antichi, William Blake

Introduzione

Songs of Experience - William BlakeUdite la voce del Bardo!
Che Presente, Passato & Futuro vede,
Le cui orecchia hanno udito
Le Parole Sante
Che passeggiava tra gli alberi antichi,

Chiamando l’Anima decaduta,
E piangendo nella rugiada notturna,
Che potrebbe controllare
Il polo stellato
E la caduta, la caduta luce rinnovare!

O Terra, O Terra ritorna!
Sollevati al di sopra della rugiadosa erba;
La notte s’è dileguata,
E il mattino
sale da una massa intorpidita.

Non andare più via.
Perché andartene?
Il pavimento stellato,
La spiaggia umida
Ti sono concesse fino al sorgere del mattino.

I “Canti dell’Innocenza” cominciano con il canto di un allegro Zufolaro, mentre qui si comincia con l’invocazione del Saggio Bardo affinché porti la sua conoscenza al mondo, all’anima del mondo decaduta. È comunque un canto di speranza e di desiderio di rinnovo, di ricerca dei valori perduti: “la notte di è dileguata e il mattino sta per tornare” e portare quindi di nuovo sul mondo la sua luce.
Quindi, la perdita di valori e lo smarrimento non corrispondono ad una fine e i canti di William Blake non sono un pianto di desolazione; ma sono solo una fase, forse una fase di ricerca che portando il ricercatore-uomo ad ottenere solo infelicità e afflizioni, gli permettono di svuluppare una rinnovata fede. Il Male è visto come un mezzo per riconoscere il Bene, il Buio permette di apprezzare la Luce.

La Risposta della Terra
La Tigre
Ah! Girasole

1 2 3 4



di Silvana Donato

go to the top
go to the top

Caro Utente, in nome del nuovo GDPR, ti informiamo che questo sito NON tratta o vende i tuoi dati personali.
Sappi che alcuni blocchi funzionali del sito salvano delle informazioni sul tuo browser, utili per il loro funzionamento.
Noto tutto ciò, se sei d’accordo, ti invitiamo a proseguire su questo sito.