Sloka e chakra

Se è la tua prima volta su questo sito, prendi prima la tua Realizzazione del Sè
20 luglio 2012 In Mantra

Gli Sloka, più precisamente detti Shloka (in sanscrito  श्लोक), sono  un genere poetico sviluppato secondo la metrica vedica Anustubh. Il Mahabharata e il Ramayana, le più famose epiche indiane, sono scritti prevalentemente in Sloka.

Shri Saraswati

Shri Saraswati

Nel nostro caso andremo semplicemente a considerare alcune brevi Sloka in sanscrito, ognuno di essi riferito ad un particolare chakra. Grazie al dr Arun Apte abbiamo delle registrazioni di questi Sloka la cui l’intonazione  segue anche un particolare Raga che è quello specificamente benefico per il chakra trattato. Nulla vieta di seguire altri stili; infatti questi Sloka si trovano ampiamente diffusi anche sul web, in quanto sono dei versi antichi.

Una cosa importante da notare riguardo a questi Sloka è che essi fanno riferimento ai principi divini (detti altresì archetipi o deità) che risiedono nei nostri chakra.  Questi principi sono stati definiti in modo da poter essere compresi a livello umano: si è data forma al senza forma. Per cui avremo nel Mooladhara chakra Shri Ganesha, che è il bambino dalla testa d’elefante per rappresentare l’innocenza e la saggezza in noi; avremo nel chakra del Cuore Shri Shiva, che è il Sé universale e individuale, che è sempre in meditazione ed è colui che gioisce della creazione; sono stati tutti definiti nelle lezioni per i vari chakra.
L’altra cosa importante da notare è che se questi principi non vengono rispettati dentro di noi allora sarà difficile che i nostri chakra rimangano in equilibrio, perché anche la sfera spirituale del nostro essere ha la sua importanza e, per quanto possiamo ignorarla, è sempre presente in noi e merita la nostra cura. Quindi vediamo che mantenendo questi principi intatti, il nostro sistema è completamente armonioso, realizzato; mentre se, in qualche modo, ci si allontana da questi principi, si creano delle disarmonie nel sistema che possono condurre ad una dissociazione fra le varie parti del nostro essere (per esempio la testa potrebbe andare in una direzione mentre il cuore andrebbe in un’altra direzione; oppure le nostre emozioni sono dissociate dalle nostre azioni, e via dicendo).
In verità,è  la dimensione spirituale a venire prima di tutto, non è sussidiaria; nel momento in cui la trascuriamo allora cominceremo ad avere problemi anche nelle altre dimensioni del nostro essere (emozionale, mentale, fisica). Yoga significa unione del nostro Sé individuale con il Sé universale, ma significa anche integrazione di tutte le dimensioni del nostro essere.

Quindi cantare questi Sloka non dovrebbe essere considerato solo un esercizio fisico, ma dovrebbe esserci la comprensione dell’effetto che essi hanno sul nostro sistema sottile e il dovuto rispetto. Diciamo che questa pratica dovrebbe essere parte della nostra meditazione; per cui prima di cominciare dovremmo alzarci la Kundalini, darci i bandhan ed essere in uno stato meditativo, ovvero in uno stato ricettivo. Altrimenti non avrebbe senso: sarebbe come parlare con qualcuno al telefono, senza che prima sia stata fatta la chiamata e quindi la connessione con il nostro interlocutore.

Abbiamo raggruppati gli Sloka come segue:

Sloka per il Moodhara chakra

Sloka per Swadisthana, Nabhi e void

Sloka per Cuore e Vishuddhi

Sloka per Agnya e Sahasrara



di Silvana Donato

go to the top
go to the top

Caro Utente, in nome del nuovo GDPR, ti informiamo che questo sito NON tratta o vende i tuoi dati personali.
Sappi che alcuni blocchi funzionali del sito salvano delle informazioni sul tuo browser, utili per il loro funzionamento.
Noto tutto ciò, se sei d’accordo, ti invitiamo a proseguire su questo sito.