Ashtavakra Gita

Se è la tua prima volta su questo sito, prendi prima la tua Realizzazione del Sè
20 agosto 2010 In Ashtavakra Gita, Testi antichi

Capitolo XI ~ Saggezza

  1. Ashtavakra disse:
    Creazione, cambiamento, distruzione: questa è la natura delle cose.
    Realizzando ciò, quiete, serenità e beatitudine naturalmente seguiranno.
  2. Chi sa per certo che non c’è che un solo Dio che crea tutto diviene sereno, senza desideri, distaccato.
  3. Chi sa per certo che avversità e successo vengono e vanno obbedienti al destino diviene contento.
    Egli tiene sempre i suoi sensi sotto controllo e mai brama o si aflligge.
  4. Chi sa per certo che nascita e morte, felicità e miseria, seguono il destino dettato dal karma, è padrone delle sue azioni: nell’agire non è attaccato all’azione.
  5. Chi ha realizzato che preoccuparsi porta solo sofferenza allora diviene libero, felice, sereno, senza desideri.
  6. Chi realizza per certo di non essere il proprio corpo, né che il corpo gli appartiene, ma che la sua vera essenza è Pura Consapevolezza”, raggiunge lo stato di completa realizzazione nella vita al punto da non aver più bisogno di ricordare le cose fatte o da fare.
  7. Chi realizza per certo di essere tutto, da Brahma all’ultimo filo d’erba, diventa libero dai dubbi, puro, in pace e non si preoccupa più di ciò che ha ottenuto o meno.
  8. Chi realizza per certo che tutto questo vario e meraviglioso mondo è niente, diventa Pura Consapevolezza, libero da inclinazioni e trova la pace proprio nel nulla.

libero dai dubbi: in sanscrito Nirvikalpa.
nel nulla: indica il fatto che il saggio non ha bisogno di nulla per essere in gioia e pace, la sua è una gioia incondizionata (Nirananda).

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21



di Silvana Donato

Comments are closed.

go to the top
go to the top